Omaggio a Patrizia Pozzi

ARMONIE CELESTI – ARMONIE TERRENE
Per leggere questa relazione cliccate qui sotto:

Guglielmo Ebreo – SECONDA ED – Patrizia Pozzi

E’ scomparsa Patrizia Pozzi. Addio alla studiosa e professoressa di Storia del Pensiero ebraico dell’Università degli Studi di Milano, relatrice al Convegno ADA 2012 su Guglielmo Ebreo da Pesaro con “Armonie celesti – Armonie terrene”. Patrizia Pozzi, 64 anni, è scomparsa dopo una lunga e dolorosa lotta contro la sla. I milanesi che hanno seguito le sue lezioni in via Festa del Perdono non dimenticheranno mai la passione e l’entusiasmo con cui insegnava, né la sua eleganza e la sua empatia.

A ricordare la docente e il suo instancabile impegno anche a favore dell’antifascismo è stato Roberto Cenati, presidente Anpi Provinciale di Milano mettendo in luce la sua attività di divulgazione dei valori resistenza e della costituzione.
Chi era Patrizia Pozzi
Nata a Milano nel 1956, l’insegnante aveva scritto con Miuccia Gigante il libro ‘Mai più lontani’, Resistenza e antifascismo visti con gli occhi di una bambina, in ricordo del padre di Miuccia, Vincenzo, tra i primi oppositori al regime fascista, comandante partigiano, deportato e assassinato nella Risiera di San Sabba a Trieste, Medaglia d’Oro al Valor Militare alla memoria.
La professoressa aveva studiato vari aspetti della filosofia di Spinoza pubblicando, su questo autore diversi titoli, tra i quali ‘Visione e parola. Un’interpretazione del concetto spinoziano di scientia intuitiva, tra finito e infinito’ (Franco Angeli, Milano 2012) e De vita solitaria: Petrarca e Spinoza (Mimesis, Milano 2017). Inoltre, aveva curato i ‘Quaderni Spinoziani’, tra cui ‘L’eresia della pace – Spinoza e Celan. Lingua, memoria, identità.
Iscritta all’Anpi di Cologno Monzese (Milano) e all’Aned, Patrizia Pozzi aveva condotto ricerche e studi sui vari aspetti del fascismo e sulla deportazione. Suo nonno, Antonio Fanzel, oppositore al nazifascismo fu deportato e ucciso nel lager nazista di Mauthausen. “Ho conosciuto Patrizia, con la quale, come Anpi abbiamo organizzato numerose iniziative per il Giorno della Memoria – ha scritto Cenati in una nota -. Non dimenticherò mai la sua passione, le sue analisi precise e puntuali sulla storia della deportazione e dei crimini del nazifascismo. Patrizia era sempre disponibile nell’offrire il suo importante e indispensabile contributo, con l’entusiasmo e l’empatia che suscitava in tutti noi. Non la dimenticheremo mai”.
Nel 2017 dopo essere rimasta ricoverata in rianimazione, la docente aveva scritto una lettera per salutare i suoi allievi, impossibilitata, nel continuare a insegnare a causa della malattia.
“Sono sopravvissuta per miracolo e grazie allʹamore delle mie figlie – si legge nel testo – ma la mia situazione è difficile: attualmente respiro collegata ad un ventilatore, mi nutro via Peg (ho un buco sia in gola che nella pancia, con i rispettivi tubi collegati ad apposite macchine), non mi muovo più (sono tetraplegica) e riesco a parlare (miracolosamente) solo per qualche ora al giorno. Scrivo al computer con gli occhi. Non posso essere assistita a casa e sono perciò ricoverata in un Centro apposito in provincia di Lecco, a Merate. Certamente, sarei stata la candidata perfetta per un lager nazista o per il castello di Hartheim, e per un forno crematorio, come avvenne a mio nonno, Antonio Fanzel, deportato politico ucciso a Mauthausen: aveva 35 anni e lasciava una moglie e cinque figli. Anchʹegli, come milioni di esseri umani, passò per il camino: le fiamme che arsero i libri nel 1933 (il più grande il 10 maggio) furono le fiamme che arsero per cancellare chi era ritenuto indegno di vivere, anche i disabili, come me in questo momento della mia vita”.
“Ecco tutto… tutto piuttosto difficile: eppure mi piace ancora vivere e desidero continuare a vivere – scriveva ancora la studiosa -. E desidero poter scrivere, discutere, lottare secondo gli ideali che guidavano mio nonno e che hanno sempre guidato anche me: questo è per me linfa vitale. Non considero quello che non ho, ma quello che ho: e ringrazio il Cielo di poter avere ancora la luce degli occhi, del cuore, della mente”
Certamente, da ammalata sono stata indotta a pormi domande radicali. Nel luogo in cui vivo, le domande richiamano a piani effettuali: che cosa significa vivere? Quando è accettabile vivere nonostante…? Come si attiva l’unità anima-corpo? Spesso le domande e le riflessioni si mettono a fuoco scrivendo o parlando a qualcuno: emerge così l’importanza del rapporto, dell’interrelazione per vivere la malattia non solo come problema, ma anche come occasione di riflessione e comprensione. E si capisce che l’affetto che ci viene rivolto vale quanto una medicina, per il nostro spirito e per il nostro corpo.
In generale, si potrebbe vedere la malattia come una radicale trasformazione della vita, non solo come via verso la morte. E la speranza è elemento vitale di ogni giorno, di ogni ora, di ogni attimo.
Vi auguro giorni felici
un abbraccio, con tanto affetto
Patrizia Pozzi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *